Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 13/11/2018, 0:15



Rispondi all’argomento  [ 112 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 12  Prossimo
 arco celtico? 
Autore Messaggio

Iscritto il: 27/07/2010, 9:00
Messaggi: 2463
Vorrei aprire una discussione riguardo all’uso dell’arco da parte dei Celti per raccogliere informazioni su un argomento che interessa soprattutto chi, come Marco e altri, partecipa a rievocazioni celtiche o ha a cuore questo argomento (il Manx ad esempio). Sintetizzando diciamo che si parla qui delle popolazioni aventi una cultura che li accomunava e che abitavano le regioni dell’Europa centrale in un periodo compreso tra grossomodo il VI secolo avanti Cristo e il II dopo.
Nella mappa in giallo l’area della cultura di Hallstatt, che potrebbe essere considerato il nucleo più antico, in verde chiaro quella di La Thene e in verde più scuro le zone in cui la lingua e le tradizioni si sono conservate più a lungo, fino ai nostri giorni.
Allegato:
karte-kelten.png


Una questione di cui ho spesso sentito discutere è se utilizzassero o meno l’arco anche come arma da guerra. Le punte di freccia trovate e le fonti storiche, in primo luogo il “De bello gallico” di Cesare lo confermerebbero, sarebbe stato molto strano il contrario. Ne cito qui solo due trafiletti:


"... Ambiorige fa diffondere l'ordine di lanciare i proiettili da lontano e tenersi a distanza, ripiegando là dove i Romani avessero sferrato un attacco, poichè l'armamento leggero e il costante addestramento permettevano agli avversari di evitare qualsiasi perdita; invece li incalzassero quando rientravano nei ranghi. I combattenti si attennero scrupolosamente a questa prescrizione. Quando una coorte usciva dal cerchio per sferrare un attacco, i nemici ripiegavano di gran carriera. Allora quel punto rimaneva necessariamente scoperto e i proiettili andavano a segno nel fianco indifeso. Quando poi invece si cominciava a ripiegare sulla propria posizione, si restava accerchiati sia da coloro che avevano ceduto terreno sia dai loro vicini che non si erano mossi. Se invece preferivano rimanere al loro posto, non avevano la possibilità di eslplicare la propria bravura nè potevano, così serrati, evitare i proiettili scagliati da così grande massa di uomini ..." (andò avanti così tutta la giornata con vittoria finale dei Galli!)
"... i Galli escono dall'accampamento e si avvicinano alle fortificazioni disposte nella pianura ... poi tentano di respingere i nostri dalla palizzata con l'impiego di fionde frecce e pietre ...Finchè i Galli erano lontani dalle nostre linee avevano più successo per l'imponenza dei loro tiri ..." ecc. ecc.

Ora la domanda che ci si può fare è che tipo di archi utilizzavano. Il mio parere personale è che il tipo di arco più usato, almeno in battaglia, era l’arco semplice a bastone di tasso o di olmo, anzi credo che sia proprio in questa fase storica o poco prima, quando cioè la necessità bellica era diventata sempre più importante che si è passati dai precedenti archi bastone a ventre piatto come ad esempio quello dello Schnidejoch o quello di Otzi, a quelli a ventre bombato.
L’unico arco di cui sono a conoscenza che può essere compreso in questo contesto spazio/temporale è quello trovato a Leeuwarden di cui avevo parlato nella discussione “Archi delle Terre Basse”. A mio parere anche gli archi di Nydam potrebbero essere assimilati a quelli usati dai Celti. Se consideriamo poi che in alcune aree rimaste “periferiche” rispetto alla colonizzazione romana la cultura celtica si è mantenuta per alcuni aspetti inalterata fino al medioevo, come ad esempio in Galles, Irlanda, Scozia ma anche certe vallate dell’arco alpino, potremmo anche considerare “celtici” i rozzi archi di olmo descritti da Geraldus (di cui si era parlato anche nella discussione sugli archi sassoni) nel XIII secolo o l’arco di tasso del guerriero di Altdorf del VII secolo.
La tipologia dunque, almeno per l’arco usato in guerra, molto probabilmente era quella semplice “a bastone” mentre i materiali come al solito quasi solo tasso e olmo. Entrambi gli alberi erano diffusi in maniera più o meno cospicua in tutti i territori considerati. A tal proposito vorrei ricordare che ad un certo punto del “De bello gallico” Cesare, pur non parlando di archi, fa riferimento al tasso notando che era "abbondantissimo in Gallia e Germania", cosa questa che non poteva sfuggire ad un esperto "uomo di guerra" dell'epoca


Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


29/03/2011, 12:03
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 26/09/2010, 17:59
Messaggi: 916
Località: Roccabruna-Marchesato di Saluzzo
Ho letto l'argomento e nei meandri della mia mente, devo ancora stabilire perchè, è apparso un ricordo che legherebbe la fondazione di Torino ad antichi popoli egizi, i quali ben sai, utilizzavano l'arco.
Spostandoci a tempi più recenti sappiamo che i Taurini erano popolazioni misto Celto-Liguri.
Nalla tua cartina, da solito Lombardo confinante con i Piemontesi :twisted: è esclusa la zona dell'origine dell'Eridano.( Piemontese o Lombarda :mrgreen: ??)
Approfondirò questa tematica ed eventualmente ti comunicherò ciò che ho riscoperto.

Ciao Lacustre Coregonico


29/03/2011, 12:49
Profilo

Iscritto il: 27/07/2010, 9:00
Messaggi: 2463
Ciao Maon, la cartina l'ho scaricata da internet ma secondo me anche la zona occitana era celtica. oltretutto ho sempre pensato che i "Liguri" quelli antichi fossero celti di cultura nell'epoca considerata. è solo una questione di definizioni ma credo che tutte le genti dell'Italia settentrionale fossero di cultura celtica all'epoca.
Oltretutto in epoca Ostrogota la Liguria era quella che ancora oggi siamo tornati a chiamare Insubria.
Ciao!


29/03/2011, 12:57
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 26/09/2010, 17:59
Messaggi: 916
Località: Roccabruna-Marchesato di Saluzzo
Per essere più sicuri dei risultati bisogna andare a sviluppare studi sui marcatori del DNA.
Ti faccio sapere.
Ciao


29/03/2011, 13:08
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 17/09/2010, 12:56
Messaggi: 2675
Località: Verona...
Collaboriamo?

http://issuu.com/nikfuso/docs/celti


Allegato:
imagesCAD953BO.jpg


Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


29/03/2011, 13:32
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 17/09/2010, 12:56
Messaggi: 2675
Località: Verona...
Altre informazzioni:

http://www.liceoberchet.it/ricerche/cel ... PREISTORIA


http://gold.bdp.it/datafiles/BDP-GOLD00 ... GGIIII.doc


29/03/2011, 13:35
Profilo

Iscritto il: 27/07/2010, 9:00
Messaggi: 2463
Bravo Marco. però non era mia intenzione aprire una discussione sulla celticità o meno delle popolazioni norditaliane nei primi secoli avanti Cristo bensì cercare di dare un "volto" all'arco "celtico" visto che ci sono in giro diverse cose di "arco celtico" o simila e spesso si tratta solo di invenzioni più ispirate al fantasy che alla storia. Ciao!


29/03/2011, 13:44
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 17/09/2010, 12:56
Messaggi: 2675
Località: Verona...
Cita:
magin
Inviato: 2 minuti fa

Re: arco celtico?
Bravo Marco. però non era mia intenzione aprire una discussione sulla celticità o meno delle popolazioni norditaliane nei primi secoli avanti Cristo bensì cercare di dare un "volto" all'arco "celtico" visto che ci sono in giro diverse cose di "arco celtico" o simila e spesso si tratta solo di invenzioni più ispirate al fantasy che alla storia. Ciao!
Bravo Marco. però non era mia intenzione aprire una discussione sulla celticità o meno delle popolazioni norditaliane nei primi secoli avanti Cristo bensì cercare di dare un "volto" all'arco "celtico" visto che ci sono in giro diverse cose di "arco celtico" o simila e spesso si tratta solo di invenzioni più ispirate al fantasy che alla storia. Ciao!



Tu dici volto all'arco celtico;
E le frecce?
Allegato:
dscf4143v.jpg
Punte di frecce e lance celtiche,
vuoi inizziare da qui? :mrgreen:


Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


29/03/2011, 13:50
Profilo

Iscritto il: 27/07/2010, 9:00
Messaggi: 2463
va bene anche così ... vado a cercare anch'io qualcosa. a dopo!


29/03/2011, 13:54
Profilo

Iscritto il: 27/07/2010, 9:00
Messaggi: 2463
ecco qua ... punte di freccia dall'oppidum di Zavist in Boemia II-I sec, aC
Allegato:
P2090026.JPG


Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


29/03/2011, 14:04
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 112 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 12  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010