Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 23/09/2019, 4:58



Rispondi all’argomento  [ 23 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo
 Colle moderne per legno e corno ? 
Autore Messaggio

Iscritto il: 19/04/2013, 10:29
Messaggi: 458
stefano10 ha scritto:
Ciao Saracenbow,

in effetti il tuo sistema è senz'altro più sicuro perchè la superficie di incollaggio raddoppia.
La sezione l'hai fatta tu con un arco di prova o proviene dal web ?
Faccio un esercizio di "reverse engineering" :
dalla foto, supponendo una larghezza del legno di 4 cm si vede che i denti dell'attrezzo usato per le rigature devono avere una base di circa 4 mm, con uno spessore di corno di 6-7 mm , legno spesso 8-9 mm e 7-8 mm di tendine ... smpre parlando dei valori massimi al centro.
Anche con dei denti cosi' profondi rimane sempre un minimo di 2-3 mm di corno .
Corretto ?

Naturalmente se la larghezza della sezione è diversa basta fare la proporzione.

Mi chiedevo come fare delle scanalature del genere con sufficiente precisione in modo che si incastrino l'una dentro l'altra per mezzo metro.

Sul web ho visto cose ( frese ) molto costose .
I ferri di pialla a denti per impiallacciature hanno dentini troppo piccoli.
Su un sito francese di cui adesso non trovo il link c'era un tizio che si era fatto un attrezzo a mano segando per il lungo una vite.
Solo che per un passo di 4mm a occhio serve unvitone da 40 mm di diametro .

Tu che utensili usi per queste scanalature ?

Ciao, il sistema non è mio ma l'ho copiato dagli antichi turchi.
La profondità dei solchi non è importante, poiché il fine è quello di raddoppiare la superficie di incollaggio.
La sezione che vedi è di un mio arco rotto perché si spezzò la corda


31/10/2015, 11:29
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 10/08/2013, 10:24
Messaggi: 35
Ah, adesso ho trovato il link dove viene mostrato l'attrezzino auto costruito a partire da una barra filettata :
http://www.webarcherie.com/index.php/to ... 20%20lapin

La il tizio dice di aver usato una vite da 12, il che significa un passo (grosso) da 1,75 mm.
Credo che più i dentini sono strettti più devi lavorare con precisione, sennò addio possibilità di incastrare tra di loro le scanalature.


Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


31/10/2015, 11:55
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 08/06/2013, 18:24
Messaggi: 527
Che idea geniale quella di usare una barra filettata.
Mettendo un blocchetto di legno anche dall´ altra parte si potrebbe fare dei piani di scorrimento che non permettono allo strumento di svergolare di lato.


31/10/2015, 12:47
Profilo

Iscritto il: 19/04/2013, 10:29
Messaggi: 458
saracenbow ha scritto:
stefano10 ha scritto:
Ciao Saracenbow,

in effetti il tuo sistema è senz'altro più sicuro perchè la superficie di incollaggio raddoppia.
La sezione l'hai fatta tu con un arco di prova o proviene dal web ?
Faccio un esercizio di "reverse engineering" :
dalla foto, supponendo una larghezza del legno di 4 cm si vede che i denti dell'attrezzo usato per le rigature devono avere una base di circa 4 mm, con uno spessore di corno di 6-7 mm , legno spesso 8-9 mm e 7-8 mm di tendine ... smpre parlando dei valori massimi al centro.
Anche con dei denti cosi' profondi rimane sempre un minimo di 2-3 mm di corno .
Corretto ?

Naturalmente se la larghezza della sezione è diversa basta fare la proporzione.

Mi chiedevo come fare delle scanalature del genere con sufficiente precisione in modo che si incastrino l'una dentro l'altra per mezzo metro.

Sul web ho visto cose ( frese ) molto costose .
I ferri di pialla a denti per impiallacciature hanno dentini troppo piccoli.
Su un sito francese di cui adesso non trovo il link c'era un tizio che si era fatto un attrezzo a mano segando per il lungo una vite.
Solo che per un passo di 4mm a occhio serve unvitone da 40 mm di diametro .

Tu che utensili usi per queste scanalature ?

Ciao, il sistema non è mio ma l'ho copiato dagli antichi turchi.
La profondità dei solchi non è importante, poiché il fine è quello di raddoppiare la superficie di incollaggio.
La sezione che vedi è di un mio arco rotto perché si spezzò la corda


Un ferro dettato da pialla con larghezza tra i denti di 0,75 mm


31/10/2015, 15:17
Profilo

Iscritto il: 19/04/2013, 10:29
Messaggi: 458
stefano10 ha scritto:
Ciao a tutti,
sto iniziando la costruzione di un composito e mi sto arenando su una cosa che ritenevo semplicissima, ovvero l'incollaggio del corno sul legno.

Finora con la colla naturale avevo tendinato un arco tipo selfbow e incollati dei pezzi di legno di ridotte dimensioni per bricolage vario.
In entrambi i casi con risultati direi buoni: delle prove fatte si è sempre spaccato prima il legno della colla !

Adesso invece con dimensioni dei pezzi più grandi, complici forse le temperature non proprio alte e le superfici irregolari delle lastre di corno,
sono già due volte che mi trovo a dover smontare il corno perchè l'incollaggio è venuto male.

Quindi pensavo a un compromesso: riservare la colla naturale alla tendinatura dove è obbligatoria e passare ( orrore ! ) a una colla sintetica per l'assemblaggio legno-corno.

Che cosa mi consigliate di facilmente reperibile ?
Da tener presente che sia il corno che il legno li ho già rigati per il lungo con dei canaletti profondi poco meno di mezzo millimetro anche se , volendo, posso sempre invertire le facce di assemblaggio.

Stefano, una fomanda:
Prima d'ora hai già tentato qualche costruzione di archi compositi o rinforzati in tendine?


02/11/2015, 17:56
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 10/08/2013, 10:24
Messaggi: 35
Questa estate, ho fatto un simil indiano con rinforzo in tendine, di bue per la precisione, incollato in più strati con della puzzolentissima colla da falegname trovata dal ferramenta.
L'ho battezzato "il professore" perchè quell'archetto mi ha insegnato un sacco di cose .

Per questo composito in fieri mi sono procurato invece del tendine di cavallo - mezzo chilo una volta disseccato, penso che almeno tre archi ci vengono fuori .

Stasera magari posto una foto.

Compositi no, mai fatti, ma dopo aver letto qualche tonnellata di "carta virtuale " da forum in diverse lingue dovrò pur cominciare :lol: :lol: :lol:
Stavo riguardando l'ultimo tuo post e mi rendeva perplesso il passo di 0,75 mm dei dentini della pialla, credo ci sia un errore perchè in tal caso quella sezione di arco dovrebbe essere larga 10 - 12 mm.

A proposito, quand'è che pubblichi il tuo libro ?


04/11/2015, 10:37
Profilo

Iscritto il: 19/04/2013, 10:29
Messaggi: 458
stefano10 ha scritto:
Questa estate, ho fatto un simil indiano con rinforzo in tendine, di bue per la precisione, incollato in più strati con della puzzolentissima colla da falegname trovata dal ferramenta.
L'ho battezzato "il professore" perchè quell'archetto mi ha insegnato un sacco di cose .

Per questo composito in fieri mi sono procurato invece del tendine di cavallo - mezzo chilo una volta disseccato, penso che almeno tre archi ci vengono fuori .

Stasera magari posto una foto.

Compositi no, mai fatti, ma dopo aver letto qualche tonnellata di "carta virtuale " da forum in diverse lingue dovrò pur cominciare :lol: :lol: :lol:
Stavo riguardando l'ultimo tuo post e mi rendeva perplesso il passo di 0,75 mm dei dentini della pialla, credo ci sia un errore perchè in tal caso quella sezione di arco dovrebbe essere larga 10 - 12 mm.

A proposito, quand'è che pubblichi il tuo libro ?



Nel caso della foto, i dentini erano più larghi. Ora che ho trovato il ferro da pialla dettato comunque mi trovo bene, anche se più stretti
Libro?.....per ora la vedo difficile


04/11/2015, 14:13
Profilo

Iscritto il: 19/04/2013, 10:29
Messaggi: 458
saracenbow ha scritto:
stefano10 ha scritto:
Questa estate, ho fatto un simil indiano con rinforzo in tendine, di bue per la precisione, incollato in più strati con della puzzolentissima colla da falegname trovata dal ferramenta.
L'ho battezzato "il professore" perchè quell'archetto mi ha insegnato un sacco di cose .

Per questo composito in fieri mi sono procurato invece del tendine di cavallo - mezzo chilo una volta disseccato, penso che almeno tre archi ci vengono fuori .

Stasera magari posto una foto.

Compositi no, mai fatti, ma dopo aver letto qualche tonnellata di "carta virtuale " da forum in diverse lingue dovrò pur cominciare :lol: :lol: :lol:
Stavo riguardando l'ultimo tuo post e mi rendeva perplesso il passo di 0,75 mm dei dentini della pialla, credo ci sia un errore perchè in tal caso quella sezione di arco dovrebbe essere larga 10 - 12 mm.

A proposito, quand'è che pubblichi il tuo libro ?



Nel caso della foto, i dentini erano più larghi. Ora che ho trovato il ferro da pialla dettato comunque mi trovo bene, anche se più stretti
Libro?.....per ora la vedo difficile


Hai giàun progetto da seguire?


04/11/2015, 15:18
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 10/08/2013, 10:24
Messaggi: 35
Mi sa che qui rischiamo l'OT :D .

Qualcosa ho disegnato , comunque un progetto con le quote no.
Esempio: ho un disegno degli syhias e dell'impugnatura ma sono sicuro che qualcosa cambierò durante la realizzazione.
Non sono ancora sicuro al 100% se userò un v-splice o no per gli syhias, tutto dipende se riesco amettere le mani su una sega a nastro.
Diciamo che ho alcuni criteri da seguire:
- devo accontentarmi di materiali facilmente reperibili nei grandi magazzini
- il materiale non deve essere critico nell'utilizzo , colle comprese.
- ovviamente per il tendine va usata colla naturale e non per essere filologici ma proprio perchè il suo ritiro assicura il precaricamento.
- per le geometrie ho come riferimenti ( ma non sono vangeli ) i due archi in mio possesso: Kaya KTB e Kassay Turul
- non pretendo performances da urlo né geometrie spinte, è solo il mio umilissimo primo arco composito; spero solo non si rompa troppo presto.

In pratica mi trovo un po' come un esquimese che si arrabatta a fare un arco decente con legno trovato sulla spiaggia e un po' di spago di tendine.

Posto la foto dell'archetto-scarrafone che avevo promesso, poi è meglio se torniamo alle colle altrimenti l'Amministratore mi bacchetta :oops: Le mattonelle sono da 33 centimetri.


Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


04/11/2015, 21:55
Profilo

Iscritto il: 19/04/2013, 10:29
Messaggi: 458
Stefano, lungi da me da smorzare gli altrui entusiasmi, ma stai partendo male.

Avere un progetto da seguire, con quote rilevate da pezzi originali o funzionanti aiuta al mettersi al riparo da eventuali mal funzionamenti
Lo stesso dicasi per la qualità dei materiali...magari quelli dei Brico fossero idonei.
Per non parlare della colla. Quelle industriali nella maggior parte dei casi rendono troppo rigidi i flettenti , cosa che non ti puoi permettere con archi Lun poco più di un metro.


05/11/2015, 16:29
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 23 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Microsoft Bing [Bot] e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010