Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 23/09/2019, 5:01



Rispondi all’argomento  [ 71 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 8  Prossimo
 Due compositi, by Luigi Covelli 
Autore Messaggio
Avatar utente

Iscritto il: 21/01/2014, 14:09
Messaggi: 253
Località: Segrate (MI)
Inserisco sei immagini, quattro del composito che ho ritirato, il mese scorso, da Luigi, altre due del composito che Luigi mi ha donato e che ho "sezionato" per mostrarne l'interno.

A voi la parola.


Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Ultima modifica di hawkwood il 06/09/2016, 13:09, modificato 1 volta in totale.



06/09/2016, 12:59
Profilo WWW
Avatar utente

Iscritto il: 21/01/2014, 14:09
Messaggi: 253
Località: Segrate (MI)
Altre immagini


Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


06/09/2016, 13:04
Profilo WWW
Avatar utente

Iscritto il: 21/01/2014, 14:09
Messaggi: 253
Località: Segrate (MI)
Altre immagini, per chi ha un account in Feisbuc, qui:

https://www.facebook.com/Fortearco/post ... 9721291793

https://www.facebook.com/Fortearco/medi ... 038&type=3


06/09/2016, 13:32
Profilo WWW

Iscritto il: 27/07/2010, 9:00
Messaggi: 2502
ciao Hawkwood, premetto che trovo i compositi in generale molto affascinanti e provo profonda ammirazione per chi li costruisce, non mi permetto di commentare nel dettaglio quelli mostrati che a vedersi così sono belli pensando anche al lavoro che c'è dietro. Vorrei però fare una riflessione anche se sinceramente mi trovo in imbarazzo ... ma va bè.
Da un punto di vista pratico mi dicevi che tira meno lontano di un rozzo arco di olmo che hai provato per comparazione a parità di libraggio (anzi, se il composito è 60# come mi sembra hai detto, quello di olmo è ca 50). Oltretutto è un arco di tipo ottomano del tipo di quelli utilizzati per il tiro di gittata. Ora pensando al lavoro che c'è dietro viene da chiedersi fino a che punto sia conveniente costruire un arco composito di basso libraggio. Ne avevo discusso anche con F. Alessi che penso sia uno dei massimi esperti di archi ottomani ed anche lui conveniva che sotto certi libraggi (ca 40/45) è più efficiente il legno semplice. Ma sarbbe interessante approfondire il discorso sul piano sperimentale.
ciao


06/09/2016, 20:10
Profilo

Iscritto il: 19/04/2013, 10:29
Messaggi: 458
https://m.facebook.com/groups/499725986 ... 2143006255


06/09/2016, 23:37
Profilo

Iscritto il: 19/04/2013, 10:29
Messaggi: 458
Un piccolo test comparativo lo avevamo già fatto


06/09/2016, 23:39
Profilo

Iscritto il: 27/07/2010, 9:00
Messaggi: 2502
ciao Saracenbow, da quello esposto si può gia fare una semplice riflessione. l'efficienza di un arco semplice dipende sopratutto dalla qualità del legno e della doga a disposizione mentre in quelli compositi, siccome sono appunto composti da diversi elementi, è più facile a parità di libraggio ottenere risutati più omogenei e questo è già un punto a favore dei compositi. per contro la semplicità di costruzione e la facilità di reperimento del materiale vanno a vantaggio di quelli semplici. stiamo parlando sempre di bassi libraggi ovviamente.

so che Hawkwood ha a disposizione anche un arco di maggiociondolo ca dello stesso libraggio. sarebbe interessante già fare una piccola prova confrontando i tre
ciao


07/09/2016, 8:13
Profilo

Iscritto il: 19/04/2013, 10:29
Messaggi: 458
[quote="magin"]ciao Saracenbow, da quello esposto si può gia fare una semplice riflessione. l'efficienza di un arco semplice dipende sopratutto dalla qualità del legno e della doga a disposizione (e anche dall'esperienza del costruttore) mentre in quelli compositi, siccome sono appunto composti da diversi elementi, è più facile a parità di libraggio ottenere risutati più omogenei.
ciao[/quote
Beh, non è proprio così, anche nel caso dei compositi la selezione delle materie e l'esperienza del costruttore hanno il loro peso


07/09/2016, 9:04
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 21/01/2014, 14:09
Messaggi: 253
Località: Segrate (MI)
Ciao magin, ciao saracenbow,
sto leggendo il lungo dibattito del 2013 che mi ero dimenticato. Poi interverrò. Ho tante cose da dire ama, poco sapendo di archi compositi, voglio ben riflettere prima di parlare.
In ogni caso mi piace molto l'idea del confronto tra i tre archi in mio possesso, uno in maggiociondolo by Enrico Ascani, uno in olmo by Gionata Brovelli e l'altro composito by Luigi Covelli (vedi immagini allegate).
Lo facciamo, magin?


Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


07/09/2016, 9:44
Profilo WWW

Iscritto il: 27/07/2010, 9:00
Messaggi: 2502
Cita:
Beh, non è proprio così, anche nel caso dei compositi la selezione delle materie e l'esperienza del costruttore hanno il loro peso

su questo non ci sono dubbi ... la differenza sta credo nel fatto che due doghe anche della stessa specie di albero possono presentare molte differenze una dall'altra e siccome non vi è altro materiale aggiunto questo risulta fondamentale. Quando i materiali sono più di uno assemblati insieme credo che comunque si possa arrivare ad un risultato più "omogeneo". in entrambi i casi ovviamente l'esperienza del costruttore non è in discussione.

Cita:
Lo facciamo, magin?

credo che si potrebbe trarre già qualche utile informazione almeno come stimolo di discussione. puoi farlo anche da solo o col Lorenzo, comunque io sono a disposizione.

ciao


07/09/2016, 13:44
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 71 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 8  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010